Spandau

Spandau è un quartiere di Berlino, per l’esattezza una delle città  che nel 1920 è confluita nella così detta Grande Berlino. Inizialmente Spandau si chiamava Spandow. Il quartiere è situato nella parte occidentale della città , la sua parte storica si estende principalmente lungo il fiume Havel.

A Spandau è presente l’unica, delle quattro cittadelle – fortezza di Berlino, rimaste in piedi, la Zitadelle Spandau, la quale è da visitare e rappresenta una delle più importanti fortezze rinascimentali d’Europa. Essa si trova immersa nell’acqua, alla confluenza dei fiumi Havel e Sprea. Il principio architettonico della costruzione in mattoni si basa su modelli italiani e rendono la struttura inespugnabile.

Spandau è un quartiere dal forte carattere medioevale, esso quindi offre suggestivi angoli da ammirare proprio nel Kolk, il più antico quartiere in cui si dipanano viuzze storiche e lungo le quali è possibile ammirare le case tipiche, soprattutto addentrandosi tra i vicoli a partire dal retro della chiesa Marienkirche. Camminando poi lungo il centro storico, si può ammirare la casa gotica Gotisches Haus, risalente al 15° secolo.

A Spandau era presente fino a pochi decenni fa un carcere. Esso è stato un edificio per coloro che si sono macchiati di reati militari, costruito nel 1876 è stato però demolito nel 1987. In quell’anno è morto l’ultimo recluso, il nazista Hess, unico dei sette condannati dopo il processo di Norimberga a scontare la pena a Spandau. Hess vi ha trascorso tutti gli anni previsti dalla condanna, in compagnia soltanto di un guardiano. Dopo la morte dell’uomo, il carcere è stato demolito per evitare che diventasse luogo di commemorazione per incontri neo-nazisti.

Il gruppo musicale Spandau Ballet, di origine londinese e formatosi alla fine degli anni ’70, deve il suo nome probabilmente al quartiere di Berlino o forse al movimento dei corpi che in trincea venivano colpiti dalle mitragliatrici Spandau, da qui “Spandau Ballet”. Gli Spandau Ballet hanno un vissuto di grandi successi, partiti dal funk sono approdati con gli anni al pop raffinato con graffianti venature rock e inserti vocali accostabili alle sonorità  soul.

Da non perdere